Un tocco colore..... e arriva la bella stagione!

A una settimana dal Convegno MacroBiotico di Bellaria 
(andato oltre le nostre più rosee aspettative)
 si ricomincia a mordenzare e a tingere con buona lena!
Inoltre, il tempo "sembra" aver preso la buona scia, quindi........ 
pentoloni accessiiiiiiiiiiiiii!

Oggi si parla di seta^^!

Direi il filato e prodotto più delicato e pregevole che ci sia,
con una caratteristica particolare: si tinge in un modo spettacolare!
L'unica nota dolente è che bisogna fare molta attenzione alla temperatura, ossia non deve superare gli 80° altrimenti si rovina.

Mordenzatura (con allume di rocca e cremortartaro) e tintura sono uguali al processo della lana, ma ripeto, l'unica differenza è nella temperatura.
Questa seta, l'ho preparata apposta per l'evento^^.....

Quì ho le due matasse da 50 gr di seta che ho tinto con le galle di quercia,







a cui ho sovrapposto la tintura di tagete (bagno rimasto dal corso di febbraio.... quì non si butta via niente di niente^^!), ma ho voluto provare a creare delle sfumature tono su tono..... semplicemente creando delle legature (stile shibori.... ma mooooooolto più semplice) a salsiccia con del filo sintetico e poi annodandolo su se stesso la matassa.

Ecco quì la legatura....


Ed ecco quì la matassa annodata...


Il bagno del tagete con dentro le matasse




Ed ecco il risultato finale!




Purtroppo la foto non è perfetta, ma si vede la sfumatura tono su tono.

Ed anche questa prova è riuscita^^!


Alla prossima!

Commenti

Post popolari in questo blog

Ovetti di Pasqua all'uncinetto.

Shibori: tecnica giapponese di tintura.

Palline decorative all'uncinetto^^......