Prova di tintura naturale: lana merinos baby e galle di quercia (1° parte)

Martedì 20 Novembre è data da segnare nei miei annali: ho finalmente masso mano alle tinture naturali!
Evviva evviva evviva ^_________________^!

Ma partiamo dal principio....

Fino ad ora ho sempre partecipato alle attività dell'Associazione Rosso di Robbia, ma non ho mai messo mano in modo diretto alle tinture vere e proprie: ho appreso della conoscenza delle diverse tecniche tintorie (vedi Shibori) e sempre messo mano al guado che era sempre già pronto (la preparazione di questa tintura è molto particolare e difficoltosa perchè manifesta tutto il suo potere colorante in fase di ossidoriduzione), quindi per me trovarmi ad affrontare tempi di cottura, gradi, preparazione della lana ecc ecc è stata una prova decisiva!
Anche in questo caso sono stata facilitata in alcuni fasi, 
ma almeno ho iniziato ^^!
Dunque dunque.... Sabato 17 e Domenica 18 scorsi ho seguito il corso di Tintura naturale... e alla fine di tutto, ci siamo trovate con abbondante "bagno" di tintura: Galle di quercia, Radice di Robbia, Legno Campeggio, cipolla dorata e reseda.... vuoi buttarle via?!? 
Assolutamente noooooooooooo!
Allora mi sono offerta (alla Mik) di provare (e lei è stata molto contenta di questa cosa).

Visto che devo preparare un paio di cose per bambini, ho preso 3 etti di lana merinos baby (pura lana vergine) e ho deciso di tingerla in due bagni sovrapposti: 2° bagno di galla di quercia e 2° bagno di cipolla dorata.
Oggi ho effettuato il 2° bagno di galle: cosa si intende per 2° bagno? Molto semplicemente è la tintura rimasta dopo un primo colore: ovviamente, dopo ogni colorazione (e relativa cottura) il potere tintorio diminuisce, arrivando quindi all'esaurimento.

La particolarità del bagno di Galle è che non c'è bisogno di preparare la lana, ossia non è necessario mordenzare, quindi nonn c'è bisogno di "cuocere" il filato in una soluzione di allume di rocca e cremortartaro.

Ma ecco le foto che dimostrano innequivocabilmente il mio lavoro ^_____^ 


La lana allo stato puro....


Il pentolone con il bagno già pronto....


.. ad accogliere le matasse di lana.


Gli appunti.... come ogni "buona ricetta", ci vogliono le dosi e i tempi ^_-.






Dopo 2 ore di cottura........ un bellissimo color marroncino bronzo!!

Adesso le 3 matassine da 50 gr ciascuna sono sotto asciugatura
non vedo l'ora di vedere il loro colore da asciutte!

A prestissimo!

Commenti

Post popolari in questo blog

Ovetti di Pasqua all'uncinetto.

Shibori: tecnica giapponese di tintura.

Palline decorative all'uncinetto^^......